Psicologia

Psicologia

Psicologia

Che cos’è il servizio di psicologia e psicoterapia?

La Psicoterapia, letteralmente dal greco, cura dell’anima, è un trattamento clinico in cui la persona insieme con lo psicoterapeuta affrontano un percorso introspettivo volto al miglioramento della condizione esistenziale. Le diverse forme della sofferenza umana che la persona, la coppia o la famiglia possono incontrare, hanno delle ripercussioni nell’ambito relazionale, emotivo, comportamentale e lavorativo.
La psicoterapia non è solo un intervento sul disagio, in quanto spesso non vi è un disturbo specifico con una sintomatologia conclamata, ma spesso può presentarsi come un significativo malessere generalizzato, un blocco emotivo che impedisce il benessere psichico della persona e la possibilità di utilizzare a pieno le proprie risorse per soddisfare i propri bisogni. In tal senso, la psicoterapia diventa un viaggio volto alla comprensione di sé, un’opportunità di crescita, di cambiamento e di autorealizzazione.
Una ricerca di significati nuovi per sé e per la realtà circostante.

La sofferenza umana può avere tante sfaccettature e tanti modi per manifestarsi.
Può capitare che alcuni pensieri, idee, esperienze o comportamenti diventino disfunzionali, generando, col tempo, dei vissuti non più sostenibili. A volte, si può pensare di “non sapere cosa/come fare”, di “avere una difficoltà”, un disagio, un problema, una sintomatologia che blocca e impedisce il benessere non solo della persona ma anche della sua rete di riferimento.

In questi casi, tutti gli interventi, costruiti nell’interazione tra la persona e il terapeuta, sono volti alla comprensione del benessere che si vuole raggiungere, con la presa in carico della persona nel suo sistema, offrendo modalità più adattive e funzionali, ri-significando la propria esperienza di vita.

Ci si occupa di sofferenza non solo quando questa si struttura in un disturbo (come ad esempio disturbi di ansia, dell’umore, dipendenze patologiche, disturbi post traumatici da stress ecc…), ma anche quando questa crea un disagio che condiziona il benessere della persona. In tal senso, le richieste possono riguardare problematiche legate all’autostima, all’immagine o all’accettazione di sé, ai cambiamenti di vita, ai periodi di crisi, di isolamento affettivo e/o sociale o lutto.

Alle difficoltà nella relazione di coppia, ai conflitti coniugali, alle problematiche relative ai ruoli genitoriali, sociali o lavorativi o nel rapporto con il cibo o con il proprio corpo.